covid19

Speciale COVID-19

L’arrivo del COVID-19 (COronaVIrus Disease 19), la malattia respiratoria acuta da SARS-CoV-2 che ha fermato il mondo, ha cambiato tutte le carte in tavola.

Siamo stati tutti colti impreparati: cittadini, famiglie, aziende e istituzioni, nessuno escluso.

In molti da anni andavano a dire che presto sarebbe arrivata la tempesta perfetta, ma tutti noi abbiamo preferito guardare altrove.

Si viaggiava ad altissima velocità con lo scopo di digitalizzare l’intera società occidentale, ma ci siamo ritrovati fermi e inermi di fronte a un nemico invisibile che ha colpito nel cuore del fattore umano, la salute.

Benedetta tecnologia! Senza sarebbe stato tutto molto, ma molto più difficile.

In questo periodo particolare ho condiviso in forma pubblica il mio punto di vista su alcuni aspetti centrali che hanno (o stanno) caratterizzato questo surreale periodo storico.

 

Rotary Ticino TV

Intervista al Dr. Bernasconi, EOC

covid19

Il Rotary Club Lugano, in stretta collaborazione con tutti i Rotary Clubs del Canton Ticino, il Rotaract, i Clubs di servizio di lingua italiana e il Gruppo rotariano insubrico, ha dato vista a un nuovo progetto rivolto alla condivisione di conoscenza ed esperienze nel periodo post COVID-19.

In particolare, ha promosso e organizzato una serata evento chiamata “Rotary Ticino TV” andata in onda in diretta in streaming sui canali social.

Un evento in chiave Do Maggiore che ho avuto il piacere di condurre con 6 mini viaggi interviste della durata di 15 minuti ciascuna.

Tra i vari ospiti ho avuto il piacere di intervistare il Dr. Enos Bernasconi, Specialista in medicina interna generale e Responsabile del reparto di malattie infettive dell’Ente Ospedaliero cantonale.

Rivedi l’intervista completa, clicca qui.

 

Distanza sociale e cyberbullismo

Filo Diretto, Radiotelevisione svizzera – RSI LA1

covid-19 cyberbullismo

Il cyberbullismo potrebbe sembrare un tema fuori luogo, rispetto a ciò che stiamo vivendo in questo periodo surreale in cui le regole vengono dettate a ritmo di COVID-19.

Eppure, con il manifestarsi di una nuova metrica con la quale dovremo convivere, la distanza sociale, emergono nuove interessanti osservazioni a cui non possiamo esimerci, soprattutto in vista di una ripartenza che vedrà il mondo fortemente cambiato, nei tempi e nelle dinamiche.

Due parole che unite guardano alla nuova società digitale. Da una parte le nuove tecnologie per la comunicazione di massa, con lo Smarthphone in testa, e dall’altra il bullismo, da sempre caratterizzato da gesti violenti (verbali e fisici) rivolti da un essere umano all’altro.

Ecco quindi che in un momento in cui tutti sono costretti a stare fermi in casa, la parte del fenomeno che riguarda le violenze fisiche vengono fortemente ridotte.

Invece, la parte che riguarda l’informatica e gli strumenti tecnologici usati per creare, condividere e commentare contenuti multimediali incrementa il suo arsenale digitale come mai avvenuto prima.

Rivedi la puntata di Filo-diretto della Radiotelevisione svizzera – RSI – condotta da Carlotta Gallino (Charlie) ed Enea Zuber, ha dedicata a questo tema e in cui ho espresso il mip unto di vista.

 

Home working e sicurezza dei dati

La consulenza, Radiotelevisione svizzera – RSI Rete Uno

covid19

Durante il lockdown imposto dal COVID-19 la maggior parte delle persone ha svolto la propria attività nella modalità smart working. Anche gli studenti hanno avuto la possibilità di seguire le proprie lezioni in streaming collegandosi ad una delle principali piattaforme.

Mai come in questi tempi sono state fatte così tante videoconferenze, condivisi materiali, trasmessi dati. Un’occasione ghiottissima per i Cybercriminali.

L’errore è quello di credere che lavorando a casa ci si trovi in un ambiente protetto, dimenticando di avere accanto tutta una serie di oggetti diversificati collegati alla rete.

Ascolta il mio punto di vista per la trasmissione “La consulenza” della Radiotelevisione svizzera – RSI Rete Uno – condotta da Carlotta Mocetti.

 

Per la cybercriminalità è un boccone appetitoso

Tio.ch

vocid 19

Come sempre accade nei momenti di macro cambiamenti, imposti da fattori esterni, emergono opportunità per la cybercriminalita.

Anche in questo caso, dopo il cambio di paradigma che ha toccato il lavoro e lo studio, sono diversi i fattori a cui prestare attenzione.

Lavorando dal posto che riteniamo essere più sicuro al mondo, la nostra casa, crediamo di essere al sicuro, dimenticando che l’infrastruttura informatica casalingua richiede maggiore attenzione e cura rispetto a quella aziendale.

In particolare, il fattore umano assume un valore determinante, per aprire o chiudere porte di accesso per i cybercriminali.

In qualità di membro del Gruppo Ticino Cyber Sicuro, nominato dal Consiglio di Stato del Cantone Ticino per le questioni che riguardano la sicurezza informatica (cybersecurity), ho rilasciato un’intervista sul tema prevenzione alla sicurezza informatica, con riferimento al vademecum che il Gruppo ha definito e pubblicato attraverso il sit web ufficiale.

Leggi l’intervista pubblicata dal portale ticinonline.ch, curata da Stefano Pianca.

 

Restrizioni e vincoli al tempo del COVID-19

Baobab, Radiotelevisione svizera – RSI

covid19

Anche la trasmissione radiofonica Baobab della Radiotelevisione svizzera – RSI, ReteTre – ha trattato il tema della sorveglianza dei cittadini al tempo del coronavirus.

Un tema di interesse anche per i più giovani che con le nuove tecnologie nascono e crescono, e in questi particolari casi esprimono l’interesse e la volontà di contribuire a sviluppare nuove applicazioni utili alla risoluzione del problema.

Guardare al sistema cinese potrebbe essere molto delicato. In occidente esistono regole precise sulla privacy, la raccolta e la trattazione dei dati personali.

Affrontando questo tema dal nostro punto di vista culturale, il tema deve sfociare nel campo dei diritti umani, in cui la privacy ne diviene una sotto categoria.

Ascolta la mia intervista, curata da Andrea Rigazzi, giornalista della Radiotelevisione svizzera  – RSI.

 

Un cittadino impaurito accetta molte cose

Swissinfo.ch

swissinfo

Durante il periodo di isolamento è emerso da parte delle Autorità svizzere la proposta di controllare a distanza e in forma anonima, con la collaborazione dei provider, il comportamento dei cittadini.

Lo scopo di questa operazione è il monitoraggio degli Smartphone per rilevare gli assembramenti di persone e contrastare la diffusione del coronavirus.

Ancora una volta una misura molto delicata e invasiva che guarda al sistema cinsese, dove queste attività sono integrate nella cultura e completamente digitalizzate nei processi.

Una misura che senza regole chiare e trasparenti potrebbe esporre i cittadini a una sorveglianza di Stato duratura, trasformando un esercizio di necessità in una regola invasiva permanente.

Leggi il mio punto di vista nell’intervista pubblicata dal portale Swissinfo.ch – curata da Luigi Jorio.

L’intervista è disponibile anche in lingua tedesca e francese.

 

Coronavirus, una vita senza contanti

Filo diretto,  Radiotelevisione svizzera – RSI

covid19

Un altro aspetto che ha fatto discutere riguarda l’uso dei contanti per pagare la spesa durante il periodo di isolamento in casa. Le preoccupazioni riguardavano la potenziale contaminazione del virus attraverso le banconote o la moneta.

Un aspetto interessante sia da un punto di vista clinico-igienico che tecnico digitale.

È stat un’occasione utile per trattare il tema dei sistemi di pagamento digitali alternativi alle valute tradizionali, considerando pregi e difetti delle carte di credito, delle carte a punti, dei sistemi POS fino alla più recente carta Revolut.

Rivedi il mio punto di vista espresso nella puntata di Filo diretto della Radiotelevisione svizzera – RSI – condotto da Roberta Rinaldi ed Enea Zuber.

 

Coronavirus, in Cina usate anche nuove tecnologie

TG Edizione principale, Radiotelevisione svizzera – RSI

covid19

Durante l’emergenza molti Paesi hanno guardato alla Cina come modello tecnologico per il controllo delle persone in relazione alle regole da rispettare.

Un modello senza dubbio autoritario che può contare sui benefici della digitalizzazione, ma che apre a importanti riflessioni sulla libertà delle persone e sulla loro privacy.

È vero che di fronte alla salute tutto diventa secondario, ma forse occorre fare attenzione a credere che il modello di controllo cinese sia davvero percorribile, anche solo temporaneamente.

Il sistema di sorveglianza cinese consente di raccogliere grandi quantità di dati utile per l’avvio della macchina chiamata intelligenza artificiale. In occidente questo non solo non è possibile (oggi) ma nemmeno immaginabile a corto termine.

Rivedi il mio punto di vista per l’edizione principale del TG della Radiotelevisione svizzera – RSI – condotto da Roberto Cattaneo. Il servizio è curato da Mattia Pacella.

 

Scuole chiuse, studio a distanza

Quotidiano della Radiotelevisione svizzera – RSI

covid-19

Non appena è scattata la chiusura di tutte le scuole del Canton Ticino, si è reso necessario un nuovo paradigma che permettesse agli studenti e agli allievi di poter continuare a seguire i corsi.

Semplice da dire ma non semplice da attuarsi, soprattutto in tempi brevissimi. Ciô nonostante la reazione è stata davvero ottima e in Ticino in breve tempo i vari ordini di scuola hanno garantito la fruizione delle lezioni a distanza.

In questi casi, sono tre gli elementi fondamentali che hanno dato ottimi risultati:

  • gli aspetti infrastrutturali e tecnici, le procedure e le regole da seguire;
  • la resilienza necessaria delle persone coinvolte nel cambio di paradigma;
  • il grado di alfabetizzazione digitale nell’uso di nuovi strumenti e piattaforme, prima sconosciute.

Rivedi il mio punto di vista per il Quotidiano della Radiotelevisione svizzera – RSI – condotto da Alian Melchionda.

 

Rimani aggiornato:

Iscriviti alla mia newsletter.