La mia storia

Benvenuto! Ora ti spiego perché la mia storia è semplice ma difficile da assemblare. Di seguito trovi solo i passi salienti che hanno contribuito a al mio piccolo viaggio verso l’età adulta.

Questa pagina non vuole essere un decorato CV, e nemmeno la bacheca dei trofei, bensì un piccolo luogo dei ricordi per non dimenticare questo mio piccolo viaggio, spesso fatto a testa in giù … per non prendermi troppo sul serio 🙂

Villa Principe Leopoldo – 24 settembre 2019

.

Da piccolo

Ricordo con grandissimo piacere gli anni dell’adolescenza, lo sport, il lago e gli amici. Ho ancora in mente che stare fermo ad aspettare mi annoiava molto, così per racimolare qualche soldo durante l’estate aiutavo a tenere in ordine il magazzino di una bottega alimentare di paese, selezionavo i coni gelato usciti male dal nastro trasportatore della fabbrica di fronte casa, svuotavo i cestini del lido comunale nelle calde giornate estive, e lavavo i piatti nella cucina della Swissminiatur di Melide. Che tempi!

La scuola e le scelte

La prima scelta è stata dopo le scuole medie. Non sapevo cosa fare da grande e seguendo la scelta di alcuni compagni di scuola decisi di iniziare l’apprendistato come disegnatore edile. Ma sono bastati pochi mesi per rendermi conto che non era la mia strada.

Ho archiviato così il disegno tecnico, per approdare ingenuamente a un nuovo apprendistato, duro, durissimo, ma che mi ha dato molto, anzi, moltissimo. Quello che credevo fosse un punto di arrivo, si è trasformato in uno straordinario punto di partenza.

Ecco che per caso mi sono avvicinato all’informatica, una disciplina affascinante, che mi ha colto totalmente impreparato. Dopo l’iscrizione al primo anno presso la scuola di ingegneria, mi sono ritrovato in classe con persone che col computer ci sapevano fare.

Ora lo posso dire, la prima lezione in laboratorio cercavo il pulsante per avviare l’aggeggio elettronico, senza però trovarlo. È stato imbarazzante ma anche divertente.

Il tempo passava e la passione per questo mondo aumentava giorno dopo giorno, travolgendomi completamente. Il destino quando vuole è spietato ma anche ,molto generoso.

Lo sport

Lo sport e in particolare la pallanuoto è stata senza dubbio un’esperienza incredibile che mi ha accompagnato per molti anni. Ma è solo una di una lunga serie di sfide che il destino mi ha riservato.

A 5 anni dormivo con i pattini a rotelle ai piedi. Lo sport era senza dubbio il mio migliore amico. Negli anni successivi però, causa forza maggiore, ho lasciato a malincuore il bastone da hockey per indossare il costume da bagno.

Con la complicità degli amici più stretti, mi sono ritrovato in breve tempo a bordo vasca a giocare a pallanuoto, prima in serie A e poi con la Nazionale Svizzera.

Alessandro TriviliniNazionale Svizzera di Pallanuoto (3° alto dx)

Alessandro TriviliniPallanuoto LNA – Società Pallanuoto Bissone

La Silicon Valley

Dopo il diploma di Ingegnere informatico volevo imparare l’inglese, ma non potevo in nessun modo permettermi un soggiorno linguistico all’estero.

A quei tempi, non c’erano programmi di scambio studenti e chi voleva espatriare doveva arrangiarsi di tasca sua.

Improvvisamente però, dopo tanto cercare, ricevetti una telefonata da parte di un collega di università, che mi invitò a rientrare immediatamente dalle vacanze natalizie, per incontrare un importante imprenditore che offriva un posto di lavoro negli Stati Uniti, e in particolare nella Silicon Valley in California.

Mi precipitai in ufficio, recuperai l’indirizzo e-mail da contattare e soltanto dopo una serie cospicua di colloqui in lingua francese ricevetti la tanto attesa conferma di assunzione.

Alessandro Trivilini

USA – Silicon Valley- Invision Technoloies Inc.

Alessandro TriviliniIl mio “swiss cube” nella Silicon Valley

La Silicon Valley era, ed è tutt’ora, il tempio per un Ingegnere informatico, anche se io a quel tempo non sapevo esattamente cosa fosse. Arrivò il giorno della partenza, con destinazione San Francisco. Iniziò così l’avventura americana che avrebbe cambiato per sempre la mia vita.

Ricordo che il primo giorno in azienda mi resi subito conto dell’apparente normalità di una realtà scientifica fantastica, in cui i fatti soprassedevano sempre le parole. Seppur con molti sacrifci e impegno, tutto andò molto bene.

Alessandro TriviliniGoogle Campus Mountain View

Alessandro TriviliniUSA – Area 51

Il desiderio di scrivere e condividere

Una volta tornato a casa, iniziarono una serie di eventi incontrollati. Volevo scrivere un libro, una sorta di diario in cui raccontare le esperienze vissute oltre oceano, ma da perfetto dilettante non fu affatto semplice.

A quell’epoca Facebook e WhatsApp non esistevano ancora, l’unico modo per chiamare casa era usare il “quarto di dollaro” con le cabine telefoniche che trovavo per le strade di San Francisco, proprio come nei vecchi film. Storie di un altro mondo.

Dopo tanto cercare ero riuscito a entrare in contatto con una piccola ma importante casa editrice locale. Non potevo credere di aver trovato qualcuno disposto a darmi fiducia e a portare in libreria il mio giovane libro.

In fondo avevo soltanto scritto piccole riflessioni di un mondo tecnologico lontano, ma che presto avrebbe bussato alle nostre porte. Grazie a questa pubblicazione le opportunità si moltiplicarono, prendendo strade diverse e lasciando che il destino facesse il suo corso. All’epoca il termine “interdisciplinare” non era ancora di moda, ma il mio percorso sembrava segnato.

La prevenzione

La prima strada mi ha permesso di conoscere il commissario capo della Polizia cantonale – il commc Enea Filippini – responsabile del gruppo criminalità informatica, con il quale ho avuto occasione di partecipare a numerose conferenze sulla prevenzione degli abusi in Internet, presso ogni ordine di scuola del Canton Ticino per quasi dieci anni.

Un viaggio durato molti anni, che mi ha consentito di incontrare e conoscere molti allievi, docenti e genitori, per condividere con loro esperienze sulle nuove tecnologie.

Nel 2009, grazie anche a queste attività di prevenzione, ho ricevuto con grande piacere il premio speciale alla ricerca “Carlo Cattaneo”, quale riconoscimento per i risultati ottenuti in questo ambito professionale. È stato senza dubbio un grande stimolo, che mi ha portato in seguito a pensare, progettare e commercializzare con successo il primo gioco di carte educativo, di nome Soogoi®, utile alle famiglie e alle scuole per conoscere Internet senza usare Internet.

Proporre a una grande catena svizzera di centri commerciali un gioco di carte educativo, in un momento storico in cui ogni sei mesi usciva un nuovo iPhone, è stato coraggioso ma anche molto gratificante.

Alessandro Trivilini

Il lancio del gioco Soogoi®

La UEFA Champions League

La seconda strada invece, ancor più imprevedibile, mi ha fatto incontrare una ragazza straordinaria, che in un battibaleno mi ha proiettato nel magico mondo della UEFA Champions League. Un’esperienza fantastica durata dodici anni con Inter, Milan e Juventus.

Naturalmente non come giocatore di calcio. Ancora oggi sono convinto che questa ragazza ed io avessimo davvero un appuntamento col destino.

Alessandro TriviliniIn visita allo Juventus Stadium

Il master e il dottorato

Il tempo passa e torna anche la voglia di studiare, di rimettermi in gioco, in controtendenza rispetto ai miei coetanei. Decido quindi di iscrivermi a un master interdisciplinare sulle tecnologie per la comunicazione.

Ed ecco che il destino bussa di nuovo alla porta con una nuova sfida. Si aprono nuovi orizzonti, fino a quel momento inaspettati. Lo concludo con la massima soddisfazione, ricevendo in dono la lode per i risultati raggiunti.

Proprio grazie a questa esperienza, ho conosciuto un angelo venuto dal cielo, che mi ha dato fiducia e mi ha spronato a intraprendere un nuovo entusiasmante viaggio formativo.

Una professoressa fuori dal coro, scientificamente brillante, eclettica, direttrice d’orchestra e lungimirante, che mi ha offerto l’opportunità di prendere parte alle selezioni per un posto di dottorato al Politecnico di Milano, portato a termine con successo nel campo dell’intelligenza artificiale (Natural Language Processing).

È stato un percorso indescrivibile che mi ha messo a dura prova, ma che ha contribuito fortemente a cambiare le mie prospettive e la mia consapevolezza della realtà.

Qualcuno ha deciso di conferirmi la lode per i risultati raggiunti, ma questo è stato possibile unicamente grazie alla mia Professoressa e alle persone che mi hanno aiutato lungo tutto il cammino.

Alessandro TriviliniPolitecnico di Milano – Consegna PhD

Corsi e ricorsi storici, potevo rifiutare? La sfida era unica e ancora una volta irripetibile, ma richiedeva molto impegno, rinunce e dedizione.

L’informatica forense

A maggio del 2011 il direttore del Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI mi convocò per propormi la sfida di creare un nuovo servizio strategico di informatica forense in Cantone Ticino in collaborazione con il Dipartimento delle Istituzioni, la Magistratura e la Polizia del Cantone Ticino, e dal 2019 partner ufficiale scientifico del Tribunale penale federale.

Dopo dieci anni di attività il seme che ho ricevuto ha dato i suoi frutti e il Servizio di informatica forense del Dipartimento tecnlogie innovative della SUPSI si è conquistato sul campo la “fama” di piccola eccellenza svizzera. Ha creato corsi formazione ad alto valore aggiunto, ha ottenenuto finanziamenti per progetti di ricerca scientifica dal Fondo Nazionale Svizzero e dall’Agenzia svizzera per la promozione dell’innovazione (INNOSUISSE) e ha aggregato le maggiori e più importanti Autorità Giudiziarie locali e nazionali, fornendo loro un servizio strategico.

Un susseguirsi di sfide impegnative che mi hanno preso l’anima, ma che ho accettato senza esitare, spinto dall’entusiasmo, dall’incoscienza e dalla convinzione che perderle sarebbe stato peggio di non viverle.

Il coinvolgimento scientifico europeo

A gennaio del 2017 la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) mi ha nominato (in SUPSI) rappresentante della Svizzera in seno al comitato scientifico di gestione dell’azione COST “Multi-modal imaging of forensic science evidence – tools for forensic science”, del programma intergovernativo di cooperazione europea nella ricerca scientifica e tecnologica.

Un’esperienza davvero entusiasmante, che ripaga i molti sacrifici e i capelli persi nel corso del tempo.

In questo progetto ho avuto l’opportunità di confrontarmi con le eccellenze scientifiche europee ed essere nominato leader del gruppo impegnato sugli studi riguardanti il riconoscimento facciale e le impronte biometriche.

Alessandro TriviliniSede COST a Brussels

Il World Economic Forum di Davos (WEF)

A volte i sogni diventano realtà, e improvvisamente ricevo l’invito a prendere parte come speaker al World Economic forum di Davos 2019 (WEF), e in particolare alla Caspian Week, la piattaforma globale riservata a leader globali, esperti e visionari che si confrontano sui maggiori temi di attualità che riguardano il pianeta.

Il tema che ho affrontato é la cybersecurity, con un occhio di riguardo alla blockchain.

wef davos cybersecurtiy

I pompieri

Ah, dimenticavo, c’è ancora una passione che mi accompagna da quasi 30 anni, il volontariato come Pompiere.

Dal 1992 (i 30 anni di servizio si avvicinano) sono pompiere volontario presso il Corpo Pompieri di Melide, con il grado di appuntato. Un’occasione di scambio, codivisione e di aiuto verso le persone in difficoltà a cui tengo molto.

Alessandro Trivilini


Con grande piacere sono stato invitato da Alessandro Bertoglio e Danny Rauseo, autori e conduttori della trasmissione radiofonica “C’era una volta …oggi” della Radiotelevisione svizzera – RSI.

Un’occasione (per me) fuori dal mio ordinario ma molto divertente, in cui abbiamo ripercorso alcuni passaggi personali, sportivi e professionali che hanno caratterizzato la mia storia.

Una passeggiata radiofonica nel tempo gestita con grande ironia da Alessandro Bertoglio e Danny Rauseo, giornalisti della Rete Uno della Radiotelevione svizzera – RSI.

Ascolta la trasmissione andata in onda il 19 ottobre 2018.


La APPLE

È la primavera del 2020, anno surreale in cui il mondo si è fermato a causa del COVId19, ma anche perchè improvvisamente la più grande e famosa azienda del mondo in campo tecnologico, la APPLE, decide di farmi pervenire una raccomandata da Cupertino chiedendo di ritirare il mio marchio “Dieta digitale”.

Un marchio che ho registrato presso l’Istituto federale della proprietà intellettuale per tutelare la dieta digitale dei sette giorni, che ho pubblicato nell’omonimo libro, e l’applicazione che ho sviluppato per la misura della glicemia digitale.

Attraverso lo studio legale Baker & McKenzie di Zurigo la APPLE inoltra formale richiesta di annullamento del mio marchio, sostenendo che io abbia usato l’icona della mela in modo improrio sfruttando la visibilità della tanto famigerata mela APPLE.

Ancora una volta il destino mi regala una piccola ma unica esperienza, che lascia un segno indelebile e che apre a nuove oppurtunità di interesse globale nel campo della salute e delle nuove tecnologie.

Con 12 pagine di motivazioni serrate, per la prima volta in assoluto, la APPLE si vede recapitare un due di picche. L’Istituto federale della proprietà intellettuale ha dato ragione al sottoscritto.

La differenza di fondo è questa:

Io mi occupo di igiene digitale, prevenzione e cura della dipendenza da tecnologie digitali e di alfabetizzazione digitale. Apple produce tecnologie digitali.

Una decisione incredibile che segna per la prima volta al mondo l’uso della mela, in quanto a icona, non solo per la produzione di computer e affini da parte di APPLE, ma anche, attraverso il mio marchio, la cura dell’igiene digitale.

» Leggi tutta la storia

Devo ammettere che questa mela ha un sapore particolare, di grande soddisfazione.


Hai domande? Scrivimi