svizzera identitià digitale

Svizzera e identità digitale

In data 1 giugno 2018 il Consiglio federale ha sottoposto al Parlamento un messaggio in materia di identità digitale. Di fatto, le intenzioni mirano a diffondere a livello nazionale un’identità digitale riconosciuta a livello statale che possa permettere agli utenti di navigare in Internet in sicurezza, mantenendo il pieno controllo sui propri dati.

Un tema senza dubbio centrale, soprattutto in un periodo storico in cui la digitalizzazione cambia processi e procedure per la trattazione dei dati in rete, e il caso Facebook-Analytica dimostra alle persone comuni (finalmente!) che i dati hanno un valore strategico ed economico senza precedenti.

Finalmente i tempi sembrano maturi, anche se il lavoro da fare è ancora molto e in parte tutto da definire e concordare tra i vari Cantoni. Una missione non facile da portare a termine, considerando che le basi dovranno in un qualche modo essere condivise. Da un punto di vista tecnologico l’impianto informatico è ormai pronto, ma da un punto di vista culturale e comportamentale invece siamo solo agli inizi di un lungo percorso.

Ecco quindi una grande occasione per definire a livello nazionale un piano di alfabetizzazione digitale comune, che possa coinvolgere attivamente i vari attori (pubblici e privati) che di riffa o di raffa sono (e saranno) toccati dalla digitalizzazione. Scuole? Sì. Politica? Sì. Aziende? Sì. Società civile? Sì. Nessuno escluso.

Il compito non è certo semplice e gli obiettivi sono molto ambiziosi, ma dopo essere stati menzionati per l’ottavo anno consecutivo come il Paese più innovativo del mondo, non possiamo esimerci da questa grande sfida.

L’edizione principale del TG della Radiotelevisione svizzera (RSI), condotto da Alessia Calderari, ha approfondito l’argomento e con grande piacere ho espresso in diretta il mio punto di vista. Rivedi la puntata andata in onda il 1 giugno 2018.

svizzera identità digitale

Anche il TG della notte – condotto da Alessandra Spataro e Angelo D’Andrea – ha dedicato un servizio al messaggio formulato dal Consiglio federale. Un’occasione in cui ho espresso ulteriori riflessioni sul tema. Rivedi la puntata andata in onda il 1 giugno 2018.

Rimani aggiornato:

Iscriviti alla mia newsletter.